MENU
ULTIME NOTIZIE
  • 12/01/2019
    Nasce Aeriblei. Una speranza per Comiso?
  • 14/4/14
    Da Ragusa Comiso ad Aeroporto degli iblei
  • 1/7/2013
    Foto e video volo inaugurale Comiso-Malta
  • [ VAI ALL'ARCHIVIO ]


    I siti del gruppo:
    www.aeroportodiragusa.it
    www.aeroportodiragusa.com
    www.aeroportodegliiblei.it
    www.aeroportodegliiblei.com
    Acate







    Acate è il comune piu' occidentale della provincia, al centro di un territorio per la maggior parte pianeggiante, coltivato a vigneti, uliveti e agrumeti, dai quali trae il suo maggior benessere. 
    Essa si presenta raccolta attorno alla piazza centrale (Piazza Liberta'), dove sorgono i monumenti piu' importanti: La Chiesa Madre e il Castello.
    Un bel giro per le vie della cittadina, puó dar modo non solo di ammirare il regolare impianto urbanistico a vie ortogonali, conservatosi quasi intatto, ma anche di godere la tranquillitá che ancora vi si respira. A 13 Km. circa del paese sorge il villaggio a mare di Macconi, che trae il nome dalle caratteristiche dune sabbiose, tipiche della costa, che va da Scoglitti alla foce del fiume Acate o Dirillo.   
    Acate affonda le radici della sua storia nei periodi preistorici, come testimoniano molti reperti archeologici, che sono stati ritrovati in diverse zone del territorio. Molti sono i reperti trovati in altre zone che confermano la presenza, nel territorio, di Siculi, di Romani, di Bizantini e di Saraceni, con i quali compare per la prima volta un nuovo casale: Odogrillo. I primi documenti che parlano di Odogrillo risalgono al 1278, quando Carlo d'Angiò, per condurre l'impresa di Soria, in Spagna, richiese da Odogrillo una provvigione. Odogrillo passó quindi alla potente famiglia dei Chiaramonte e venne a far parte della Contea di Modica. Dopo questo periodo non si hanno piú notizie di Odogrillo e la sua decadenza puó essere spiegata con il fatto che, non avendo il centro una numerosa popolazione ed essendo circondato da una campagna paludosa e malsana, si sia andato via via popolando.
    Con la scomparsa di Odogrillo, nella valle del Dirillo, prende sempre piú importanza il casale di Biscari, un modesto stanziamento forse di origine greca, e perdurato fino al XV secolo, quando, sotto i Castello, comincia ad assumere la fisionomia di un centro abitato di una certa importanza.
    Nel 1938, su iniziativa di Carlo Addario, uno studioso locale, il nome della cittá fu cambiato da Biscari in Acate. ll motivo del cambiamento fu dovuto non tanto al fatto che qui sbarcó Acate, il fido amico di Enea, (notizia non confortata da nessuna fonte storica), ma perché l'attuale fiume Dirillo, veniva chiamato dai Romani Achates, in quanto lungo le rive del suo corso superiore si trovavano le pietre di agata, una roccia silicea opalina.



    Ecco una mappa della Città di Acate:




    Previsioni meteo:





    [A]
    AeroportoDiRagusa.it - AeroportoDiRagusa.com - Tutti i diritti riservati - www.intermedragusa.it - intermedragusa@libero.it
    Realizzazione: